Skip to main content

Cos’è la mindfulness?

Per mindfulness si intende “portare attenzione al momento presente in modo curioso e non giudicante” (Kabat-Zinn, 1994), diventando così consapevoli delle sensazioni, emozioni e pensieri che caratterizzano il presente.

Spesso accade che siamo continuamente proiettati nel passato o nel futuro, senza riuscire a goderci il presente, come se vivessimo con il “pilota automatico” inserito. Ci perdiamo in pensieri, avvenimenti, aspettative e ricordi, senza concentrarci su cosa ci sta accadendo nel qui ed ora.

Le nostre giornate sono talmente veloci che non ce ne rendiamo conto. Infatti ci sono 3 elementi che ostacolano particolarmente la nostra consapevolezza: l’iper connessione (smartphone, tv, tablet..), la vita frenetica ed il multi-tasking.

La vita che conduciamo viene percepita come stressante, a tal punto che ci ammaliamo o ci sentiamo infelici. Per questo motivo, gli interventi basati sulla mindfulness sono sempre più utilizzati nell’ambito della salute per la gestione dello stress, dell’ansia e nel dolore cronico, in quanto consentono di apprendere un atteggiamento consapevole e privo di giudizio nei confronti dei sentimenti e delle sensazioni, anche dolorose o sgradevoli, abbassando la percezione dello stress e migliorando la qualità di vita.

A livello emotivo e psicologico, la mindfulness ci permette di cogliere i nostri schemi di pensiero negativi prima che questi ci travolgano, restituendo la libertà di esercitare un maggior controllo sulle scelte che facciamo e quindi sulla nostra vita.

Da dove deriva la mindfulness?

Il fondatore della mindfulness è J. Kabat-Zinn, biologo e professore della School of Medicine dell’Università del Massachussets e fondatore della Clinica dello stress che, a partire dal 1979, ha sviluppato un protocollo per introdurre la meditazione di consapevolezza come intervento in contesti clinici e ospedalieri: MBSR – Mindfulness based stress reduction.

La pratica della mindfulness

Sviluppare un “atteggiamento mindfulness” favorisce la nostra capacità di essere presenti e riflettere sulla nostra esperienza interiore, consentendo di:

  • prestare attenzione al momento presente in modo particolare, con intenzione;
  • sviluppare un atteggiamento non giudicante rispetto ai propri pensieri e stati emotivi;
  • essere gentili e compassionevoli con se stessi;
  • adottare un atteggiamento di curiosità, apertura e accettazione verso se stessi e verso gli altri;
  • maggiore connessione mente-corpo e riconoscimento dei propri bisogni;

Esistono modalità differenti per praticare la mindfulness:

  • pratica “formale”, ovvero in momenti dedicati come la meditazione, il silenzio, ecc;
  • pratica “informale”, consiste nell’esercitare consapevolmente l’attenzione al momento presente durante le normali attività della vita quotidiana (mentre mangiamo, camminiamo, facciamo la doccia, ecc).

Sei curios* di scoprire di più sulla mindfulness? Troverai qui altri approfondimenti sull’argomento.

 

Leave a Reply

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy